Agenzia Formativa Master

Confederazione, Piccola Media Impresa - +39 0585 811530

12/05/2018 CORSO AGGIORNAMENTO INSEGNANTI ED ISTRUTTORI

AGGIORNAMENTO BIENNALE PATENTINO DI INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA SABATO
(MATTINA E POMERIGGIO) VALIDO PER TUTTA ITALIA. INFO 0585/811530
DAL 25 MARZO 2013, E’ OBBLIGATORIO PARTECIPARE AL CORSO DI AGGIORNAMENTO DI 8 ORE (D.M. 17/2011 art. 4 e 9) PENA LA IMPOSSIBILITA’ DI ESERCITARE L’ATTIVITA’ CAUSA PERDITA DEL REQUISITO.
L’AGENZIA MASTER-FORM E’ L’UNICA AUTORIZZATA PER LA PROVINCIA DI MASSA E LA SPEZIA A SVOLGERE I CORSI. AL CORSO POSSONO PARTECIPARE DA TUTTA ITALIA
Per info tel.0585/811530

Maggiori informazioni

DOMANI GIOVEDÌ 26 ore 10,00 Presso la sede di CONFIMPREA MASSA CARRARA Galleria L. Da Vinci 4/49 Si svolgerà un incontro Tra COMUNE DI MASSA REGIONE TOSCANA ASSOCIATI CONFIMPRESA Tra i presenti: il Sindaco Alessandro Volpi e il Consigliere Regionale Giacomo Bugliani

DOMANI GIOVEDÌ 26 ore 10,00 Presso la sede di CONFIMPREA MASSA CARRARA Galleria L. Da Vinci 4/49 Si svolgerà un incontro  Tra COMUNE DI MASSA REGIONE TOSCANA ASSOCIATI CONFIMPRESA Tra i presenti: il Sindaco  Alessandro Volpi e il Consigliere Regionale Giacomo Bugliani

DOMANI
GIOVEDÌ 26 ore 10,00
Presso la sede di CONFIMPREA MASSA CARRARA
Galleria L. Da Vinci 4/49
Si svolgerà un incontro
Tra
COMUNE DI MASSA
REGIONE TOSCANA
ASSOCIATI CONFIMPRESA
Tra i presenti:
il Sindaco
Alessandro Volpi
e il Consigliere Regionale
Giacomo Bugliani

Maggiori informazioni

CONFIMPRESA NUOVO SPORTELLO PRIVACY REGOLAMENTO UE 2016/679

LO STAFF DI CONFIMPRESA SI OCCUPERA’ DIRETTAMENTE DELLA VOSTRA IMPRESA , METTENDO IN SICUREZZA I VOSTRI DATI E FORMANDO IL VOSTRO PERSONALE.

RICHIEDI IL PREVENTIVO

 

In base al regolamento  (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Europea del 4 maggio 2016) le aziende e i professionisti privatidovranno nominare entro il 25 maggio 2018 il Responsabile della Protezione dati, altrimenti detto DPO, cioè Data Protection Officer. Entro la stessa data deve essere redatto, aggiornato e conservato un Registro del trattamento che deve essere a disposizione dell’Autorità di controllo che, tramite il registro, deve controllare la conformità dell’organizzazione alle norme del Regolamento Europeo.

Privacy 2018: DPO da nominare entro il 25 maggio 2018

Il DPO deve conoscere a fondo la normativa e la prassi sulla protezione dei dati e deve essere in grado di assolvere ai compiti dell’articolo 39 del Regolamento. A patto che abbia queste conoscenze, il DPO può essere un dipendente o una persona esterna a un’azienda. Una volta scelto, il Titolare o il Responsabile del trattamento deve pubblicare i dati relativi al Responsabile della protezione dati e deve comunicarli all’Autorità di Controllo.

Come sottolinea il garante della Privacy, il candidato al ruolo di DPO deve avere competenze ed esperienze specifiche ma non sono richiesti attestati o iscrizioni ad albi professionali particolare. I requisiti devono essere valutati tenendo presente l’ambito in cui il DPO agirà: deve conoscere la normativa del settore di riferimento e l’organizzazione aziendale.

La nomina è obbligatoria se (articolo 37 del regolamento):
– il trattamento è fatto da un’Autorità Pubblica tranne le Autorità giurisdizionali quando esercitano le proprie funzioni
– le attività principali del Titolare o Responsabile del trattamento sono trattamenti che per natura ambito e finalità richiedono il monitoraggio su larga scala sistematico e regolare degli interessati
– le attività principali del Titolare o Responsabile del trattamento consistono su larga scala nel trattamento di categorie particolari di dati personali (articolo 9 del regolamento) o relativi a condanne penali e reati dell’articolo 10.

Privacy 2018: le sanzioni

Il DPO va scelto entro il 25 maggio 2018: da quella data i professionisti, le aziende e le pubbliche amministrazioni dovranno avere già applicato le prescrizioni del Regolamento europeo. Il Titolare o i Responsabile che non rispetta gli obblighi dell’articolo 37 verranno sanzionati (secondo l’articolo 83 comma 4 del Regolamento) con una multa fino a 10.000.000 di euroLe imprese fino al 2% del fatturato mondiale annuo dell’anno precedente.

Maggiori informazioni